Pessima notizia: c’e’ chi rema contro l’interprofessione degli allevatori.

L’O.I.C.B., costituita da Confagricoltura, Cia, Copagri, Uniceb, Assalzoo, Assograssi e Confesercenti, costituita 17 mesi dopo l’OI INTERCARNEITALIA, vantando di essere Organizzazione Interprofessionale rappresentativa della zootecnia bovina da carne, dopo aver appreso che il 3 settembre 2019 il Mipaaf aveva chiesto alla Conferenza Stato-Regioni l’Intesa sul Decreto di riconoscimento dell’OI INTERCARNEITALIA (che aveva presentato domanda di riconoscimento il 2 gennaio 2019), ha presentato 8 giorni dopo, l’11 settembre 2019, domanda di riconoscimento, ovviamente in antitesi all’OI INTERCARNEITALIA.

Non avendo il Mipaaf riscontri oggettivi in merito alla rappresentanza dell’O.I.C.B. ha proseguito nell’iter ed il 3 gennaio 2020 ha pubblicato il Decreto della Ministra Sen. Teresa Bellanova sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

E veniamo alla pessima notizia: l’O.I.C.B., spronata evidentemente da chi ha dimestichezza di “Ricorsi al Tar” ha presentato opposizione al Decreto di riconoscimento dell’OI INTERCARNEITALIA lasciando sgomenti, per primi, gli allevatori aderenti alle Organizzazioni Sindacali di Confagricoltura, Cia e Copagri che hanno dato vita all’OI Intercarneitalia, mai immaginando che la propria Organizzazione Sindacale potesse mettersi contro a scelte strutturali ed organizzative improntate sulla massima partecipazione degli allevatori zootecnici ad un organismo da loro stessi costituito.

Incredulità anche per la presenza di ASSALZOO tra i firmatari del ricorso che, anziché auspicare il decollo di una interprofessione già riconosciuta, per rilanciare il settore, al quale vendono mangimi, si mettono di traverso per bloccare sul nascere un’attività che, a regime, porterebbe benifici anche a loro! Ovvero, più si valorizza il settore, meno aziende chiudono e più bovini vengono allevati (e più mangime viene consumato)!

Vi terremo aggiornati sull’argomento.

Nel frattempo chi vuole leggere il RICORSO AL TAR DEL LAZIO contro il Mipaaf e l’OI INTERCARNEITALIA  Clicchi QUI.

Lascia un commento